statistiche sito
SEI IN > VIVERE LUGANO > CRONACA
articolo

32enne del Luganese imputato per riciclaggio di denaro da traffico di droga

2' di lettura
18

Un uomo di 32 anni, originario del Luganese, è stato dichiarato colpevole di aver movimentato ingenti somme di denaro tra l'Italia e la Svizzera. Queste somme, pari a oltre 500.000 franchi, sono state identificate come guadagni provenienti dal traffico di cocaina organizzato da un gruppo criminale albanese. Di conseguenza, è stata inflitta all'accusato una multa sospesa.

Il giovane, precedentemente noto nel mercato del Cbd, senza precedenti in Svizzera ma con una condanna in Italia per guida in stato di ebbrezza. Le indagini hanno rivelato che il 32enne aveva rapporti con il mondo criminale. Su indicazione dei suoi contatti, aveva effettuato trasferimenti di denaro in diverse città italiane. Durante uno di questi viaggi, è stato arrestato al confine con quasi 98.000 euro in contanti, una somma che presentava tracce di cocaina.
La Procura ha sottolineato che l'accusato utilizzava mezzi criptati per comunicare con i criminali e riceveva una commissione del 3% su ogni operazione. Nonostante queste rivelazioni, l'identità delle persone coinvolte nel circuito rimane sconosciuta. L'uomo ha rifiutato di rivelare le identità, citando timori per la sicurezza della sua famiglia.
Tra le imputazioni rivolte all'uomo vi era anche l'accusa di trasporto di 31 chilogrammi di hashish da Zurigo a Lugano. Tuttavia, questa accusa è stata successivamente ritirata poiché il contenuto di Thc dell'hashish era entro i limiti legali. Nonostante ciò, la Procura ha ritenuto che la sua disponibilità a trasportare tali quantità suggerisse la sua consapevolezza dell'origine illecita del denaro.
In sintesi, nonostante le argomentazioni della difesa che suggerivano l'innocenza del loro cliente, il giudice ha ritenuto che l'accusato fosse a conoscenza delle attività illegali sottostanti. Di conseguenza, è stata comminata una pena pecuniaria sospesa e una multa di 1.000 franchi.



Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2023 alle 12:54 sul giornale del 19 ottobre 2023 - 18 letture






qrcode