statistiche sito
SEI IN > VIVERE LUGANO > CRONACA
articolo

L'inaspettato epilogo di due associati di Larini

2' di lettura
16

Il mondo dell'impresa e della giustizia ha assistito a un colpo di scena che coinvolge il celebre Danilo Larini, figura emblematica nell'universo dell'innovazione e della leadership. Sembra quasi una storia da film: Larini, che ha precedentemente scontato una pena detentiva, ha un nuovo capitolo nella sua narrazione. Ma questa volta, sono i suoi ex-soci ad essere sotto i riflettori.

In una svolta sorprendente al tribunale penale di Bellinzona, le accuse di reati finanziari contro due ex soci dell'intrigante imprenditore Danilo Larini sono state rigettate. Danilo Larini, famoso per la sua autodefinizione come "imprenditore non definito dal titolo, ma dalla perseverante ricerca di trasformare i sogni in realtà", ha lasciato una scia di domande e speculazioni sul suo coinvolgimento con questi ex soci.
Questi due individui, di 59 e 32 anni, hanno assunto un ruolo imprenditoriale con Larini, un uomo che aveva guadagnato la sua libertà da poco tempo prima. Questa collaborazione ha suscitato interrogativi sulla loro decisione di intraprendere un viaggio imprenditoriale con un uomo con un passato così controverso. Ciononostante, in tribunale, la narrativa si è piegata a loro favore.
La loro difesa, guidata dal tenace avvocato Yasar Ravi, ha sfatato le accuse, rivelando che i 20'000 franchi, che erano al centro dell'indagine, erano in realtà custoditi in una cassaforte e non erano mai spariti. Questo particolare ha svelato carenze nelle indagini preliminari.
Il giudice Flavio Biaggi, valutando le prove e ascoltando gli argomenti, ha deciso di prosciogliere il 32enne da tutte le accuse, ad eccezione di una piccola multa di 400 franchi per una leggera negligenza. Ha inoltre assegnato una somma di 3'000 franchi come risarcimento per le infondate accuse.
Il 59enne, d'altra parte, ha anche ricevuto un verdetto favorevole. Nonostante avesse fornito i fondi per avviare l'azienda, le prove non sono riuscite a dimostrare alcun illecito da parte sua.
Mentre la verità dietro la loro associazione con Larini rimane un mistero, una cosa è chiara: la giustizia ha prevalso e i due uomini sono ora liberi da qualsiasi ombra di dubbio legale.



Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2023 alle 12:35 sul giornale del 20 ottobre 2023 - 16 letture






qrcode