statistiche sito
SEI IN > VIVERE LUGANO > CRONACA
articolo

Verdetto caso di stupro alla festa campestre: una condanna e due assoluzioni

1' di lettura
18

Nel processo riguardante uno stupro avvenuto nel luglio del 2019 a margine di una festa campestre nel Luganese, è stato emesso il verdetto con una condanna e due assoluzioni. La procedura penale è stata caratterizzata dalla complessità, e la Corte delle Assise criminali ha richiesto una nuova perizia psichiatrica sulla vittima per ottenere ulteriori elementi di giudizio.

Il principale imputato, un 31enne del Luganese, è stato condannato per violenza carnale, un'accusa aggiunta in un secondo momento. Tuttavia, gli altri due giovani coinvolti, un 27enne e un 25enne, sono stati assolti.
Gli eventi si sono svolti in un'auto parcheggiata non lontano dalla festa campestre. Due giorni dopo, i tre giovani sono stati arrestati.

La Corte ha sottolineato che, nonostante il 31enne avesse compreso che il secondo atto sessuale era indesiderato, ha continuato l'azione in una situazione in cui la vittima si è trovata "senza via d'uscita", con il 31enne fisicamente sopra di lei nel sedile posteriore dell'auto. Di conseguenza, il 31enne è stato condannato a 30 mesi di detenzione, di cui 24 sospesi con la condizionale e 6 da scontare effettivamente. Il suo avvocato difensore, Niccolò Giovanettina, ha annunciato un ricorso in Appello. La vittima ha ricevuto un risarcimento per torto morale di 5mila franchi.

Il procedimento legale potrebbe non essere concluso, poiché ulteriori sviluppi sono attesi davanti alla Corte di Appello e Revisione Penale.



Questo è un articolo pubblicato il 28-10-2023 alle 11:01 sul giornale del 29 ottobre 2023 - 18 letture






qrcode